Blog

An article from The Economist on demurrage

Free exchange

Why sub-zero interest rates are neither unfair nor unnatural

When borrowers are scarce, it helps if money (like potatoes) rots

DENMARK’S Maritime Museum in Elsinore includes one particularly unappetising exhibit: the world’s oldest ship’s biscuit, from a voyage in 1852. Known as hardtack, such biscuits were prized for their long shelf lives, making them a vital source of sustenance for sailors far from shore. They were also appreciated by a great economist, Irving Fisher, as a useful economic metaphor.

Imagine, Fisher wrote in “The Theory of Interest” in 1930, a group of sailors shipwrecked on a barren island with only their stores of hardtack to sustain them. On what terms would sailors borrow and lend biscuits among themselves? In this forlorn economy, what rate of interest would prevail?

One might think the answer depends on the character of the unfortunate sailors. Interest, in many people’s minds, is a reward for deferring gratification. That is one reason why low interest rates are widely perceived as unjust. If an abstemious sailor were prepared to lend a biscuit to his crewmate rather than eating it immediately himself, he would deserve more than one biscuit in repayment. The rate of interest should be positive—and the sharper the hunger of the sailors, the more positive it would be.

In fact, Fisher pointed out, the interest rate on his imagined island could only be zero. If it were positive, any sailor who borrowed an extra biscuit to eat would have to use more than one biscuit in the future to repay the loan. But no sailor would accept those terms because he could instead eat one more piece from his own supply, thereby reducing his future consumption by one, and only one, piece. (A sailor who had already depleted his supplies, leaving him with no additional hardtack of his own to eat today, would be in no position to repay borrowed biscuits either.)

That was bad news for thrifty seafarers. But worse scenarios were possible. If the sailors had washed ashore with perishable figs rather than imperishable hardtack, the rate of interest would have been steeply negative. “[T]here is no absolutely necessary reason inherent in the nature of man or things why the rate of interest in terms of any commodity standard should be positive rather than negative,” Fisher concluded.

Two years ago, when the Bank of Japan (BoJ) began charging financial institutions for adding to their reserves at the central bank, its negative-rate policy was harshly criticised for unsettling thrifty households, jeopardising bank profitability and killing growth with “monetary voodoo”. Behind this fear and criticism was perhaps a gut conviction that negative rates upended the natural order of things. Why should people pay to save money they had already earned? Earlier cuts below zero in Switzerland, Denmark, Sweden and the euro area were scarcely more popular.

But these monetary innovations would have struck some earlier economic thinkers as entirely natural. Indeed, “The Natural Economic Order” was the title that Silvio Gesell gave to his 1916 treatise in favour of negative interest rates on money. In it, he span his own shipwreck parable, in which a lone Robinson Crusoe tries to save three years’ worth of provisions to tide him over while he devotes his energies to digging a canal. In Gesell’s story, unlike Fisher’s, storing wealth requires considerable effort and ingenuity. Meat must be cured. Wheat must be covered and buried. The buckskin that will clothe him in the future must be protected from moths with the stink-glands of a skunk. Saving the fruits of Crusoe’s labour entails considerable labour in its own right.

Too many Crusoes

Even after this care and attention, Crusoe is doomed to earn a negative return on his saving. Mildew contaminates his wheat. Mice gnaw at his buckskin. “Rust, decay, breakage…dry-rot, ants, keep up a never-ending attack” on his other assets.

Salvation for Crusoe arrives in the form of a similarly shipwrecked “stranger”. The newcomer asks to borrow Crusoe’s food, leather and equipment while he cultivates a farm of his own. Once he is up and running, the stranger promises to repay Crusoe with freshly harvested grain and newly stitched clothing.

Crusoe realises that such a loan would serve as an unusually perfect preservative. By lending his belongings, he can, in effect, transport them “without expense, labour, loss or vexation” into the future, thereby eluding “the thousand destructive forces of nature”. He is, ultimately, happy to pay the stranger for this valuable service, lending him ten sacks of grain now in return for eight at the end of the year. That is a negative interest rate of -20%.

If the island had been full of such strangers, perhaps Crusoe could have driven a harder bargain, demanding a positive interest rate on his loan. But in the parable, Crusoe is as dependent on the lone stranger, and his willingness to borrow and invest, as the stranger is on him.

In Japan, too, borrowers are scarce. Private non-financial companies, which ought to play the role, have instead been lending to the rest of the economy (see chart), acquiring more financial claims each quarter than they incur. At the end of September 2017 they held ¥259trn ($2.4trn) in currency and deposits.

Gesell worried that hoarding money in this way perverted the natural economic order. It let savers preserve their purchasing power without any of the care required to prevent resources eroding or any of the ingenuity and entrepreneurialism required to make them grow. “Our goods rot, decay, break, rust,” he wrote, and workers lose a portion of their principal asset—the hours of labour they could sell— “with every beat of the pendulum”. Only if money depreciated at a similar pace would people be as anxious to spend it as suppliers were to sell their perishable commodities. To keep the economy moving, he wanted a money that “rots like potatoes” and “rusts like iron”.

The BoJ shuns such language (and, in the past, has at times seemed determined to keep the yen as hard as a ship’s biscuit). But in imposing a negative interest rate in 2016 and setting an inflation target three years before, it is in effect pursuing Gesell’s dream of a currency that rots and rusts, albeit by only 2% a year.

This article appeared in the Finance and economics section of the print edition under the headline “Negative justice”

 

Annunci

Presentazione della FAZ alla Conferenza internazionale sulle monete complementari di Barcellona

ccc

La FAZ è stata selezionata tra i progetti che verranno presentati alla IV Conferenza internazionale sulle monete sociali e complementari che si terrà a Barcellona (Spagna) dal 10 al 14 maggio 2017. Il paper (pdf) verrà presentato durante la Conferenza dal fondatore del progetto FAZ, Domenico De Simone. L’intervento si terrà alla Universitat Oberta de Catalunya il 10 maggio 2017 alle 12:00 nell’aula “Narcis Monturiol” del Parc Tecnològic Nou Barris, Marie Curie, 8-14, Barcelona.

FAZCOIN, una criptomoneta per la FAZ

Con la nascita del Bitcoin, la prima moneta elettronica crittografica peer-to-peer sviluppata come software libero, cambia radicalmente lo scenario monetario. A partire dai principi tecnici che regolano il funzionamento del Bitcoin, la blockchain, ci piacerebbe  realizzare una moneta che incorpori i principi di teoria economica della FAZ, il FAZCOIN.

Il Bitcoin infatti è la prima moneta totalmente autonoma la cui emissione è decentralizzata (p2p) in modo simile a quella di programmi per lo scambio dei file, senza intervento di un sistema bancario mainstream. Sono in sostanza gli stessi utenti che emettono la moneta.

I principi di funzionamento fondati sulla crittografia rendono le unità monetarie dotate di identità certa, in modo simile alle unità delle monete ordinarie, e ciò previene alla radice il problema della falsificazione. Inoltre il Bitcoin è una moneta totalmente elettronica e quindi i costi di gestione vengono abbattuti in modo consistente, basta scaricarsi un client per emettere moneta e gestirla.

Inoltre l’adozione di wallets per smart phones (Iphone, Android) permette di mobilizzare gli scambi come avviene per le monete ordinarie.

Ma il Bitcoin è ancora una moneta basata sulla scarsità, infatti ha un quantitativo di massa monetaria emettibile limitato nel tempo.

http://ouishare.net/2013/05/bitcoin-human-based-digital-currency/

Però essendo sviluppata come software libero, permette la realizzazione di forks dell’originario programma. I forks piu importanti ai fini della realizzazione di una criptomoneta per la FAZ, sono ad oggi

Dalla convergenza di questi progetti potrebbe nascere la FAZCOIN. Siamo ancora nella fase iniziale di studio di fattibilità ed invitiamo tutti gli esperti del settore a collaborare per realizzare una criptomoneta che incorpori i principi della FAZ.

 

Seminario sulla FAZ a San Marino

foto san marinoIl nove gennaio scorso sono stato invitato dal Movimento Rete di San Marino a tenere un seminario sulla Faz. Questo è il video dell’evento. Il seminario è durato quasi otto ore, comprese un paio di pause, ed ho affrontato in modo abbastanza approfondito sia gli aspetti teorici che quelli pratici del progetto Faz.  È stato molto intenso e coinvolgente e spero che ne possa derivare un’esperienza concreta per l’attuazione dei principi della faz.

La Moneta del Comune. La sfida dell’istituzione finanziaria del comune

th_1dd1d6fe940b0becc9a0299f6069644e_lamonetadelcomunecop– di Marco Fama.  Esce per i tipi di DeriveApprodi La moneta del comune. La sfida dell’istituzione finanziaria del comune (pp. 200, euro 18). Il libro, affidato alla cura di Emanuele Braga e Andrea Fumagalli, raccoglie i contributi di studiosi e attivisti da tempo dediti al nutrimento di un sapere monetario eterodosso, immediatamente proiettato all’interno di pratiche concrete, tese ad emancipare la vita dalle logiche del dominio capitalistico.

L’infausto potere che alberga nella moneta, a dispetto – od a maggior ragione – della sua sopraggiunta “nudità”, viene svelato senza reticenze nei numerosi interventi che animano il volume. Ma di tale feticcio, con cui in pochi hanno avuto il cuore di misurarsi per davvero, ne vengono anche esplorati i possibili impieghi alternativi, evocandone forme e contenuti nuovi, attraverso cui farne uno strumento al servizio del comune.

Contro le frivolezze neoclassiche, cui neppure la teoria dei beni comuni ha saputo resistere, la moneta è qui presentata per quello che è: non uno strumento neutrale, meramente pensato per agevolare gli scambi; al contrario, un demone potente, che attribuisce a chi ne detiene il controllo la facoltà di dettare le condizioni e le finalità sociali della produzione.

Proprio alla produzione, alle sue forme, gli autori invitano a rivolgere lo sguardo per comprendere appieno la natura dei rapporti sociali che la moneta innesca e dello sfruttamento di cui si fa misura; ma anche come condizione imprescindibile per poter pensare ed agire il comune, da intendersi come uno specifico modo di organizzare/regolare la cooperazione sociale, in luogo che come una qualità intrinseca a determinate categorie di beni.

Con la moneta bisogna fare necessariamente i conti, posto che è in essa che si condensa quel potere sociale che consente al capitale di esercitare un comando sulle condotte umane. Attenuare il vincolo monetario al rapporto salariale, cioè erodere il potere della moneta di acquistare la forza-lavoro, è il primo passo per l’edificazione di un modello di sviluppo fondato sulla produzione dell’uomo per l’uomo, realmente in grado di soddisfare i bisogni collettivi. È in questi termini che va letta la proposta di un reddito di base incondizionato, da tempo avanzata da alcuni degli autori dei contributi contenuti nel volume. Ma qui si osa ben oltre, mirando direttamente al cuore del padre di tutti i vizi capitalistici, cioè a quel desiderio di abbondanza che non può resistere a se stesso, se non in ragione di una scarsità artificialmente creata. Proprio nella moneta viene indicata la freccia adatta a raggiungere un bersaglio così ambizioso: una moneta capace di resistere costitutivamente al desiderio di essere accumulata, che venga dal nulla per tornare al nulla, programmata per autodistruggersi.

Val la pena di ricordare come la necessità di riformare la moneta fosse in cima ai pensieri di Keynes, cui certo non sfuggivano gli effetti deleteri dell’istinto irrefrenabile all’accumulazione. Al Bancor, da egli concepito come una pura unità di conto con cui abilitare gli scambi internazionali, non riuscì mai di veder la luce. Ma il principio delclearing, su cui la proposta di Keynes si basava, è oggi al centro di molti circuiti monetari alternativi – alcuni dei quali passati in rassegna all’interno del volume. Altro concetto chiave è quello di demurrage, cioè l’applicazione di un tasso di interesse negativo che inibisca sul nascere ogni eventuale processo di tesaurizzazione. È il caso di insistere su questo punto, giacché la moneta rappresenta, in primo luogo, la trascrizione di un debito; un debito che viene continuamente trasferito, ma che non può essere per sua stessa natura saldato. Se è per mezzo dell’emissione degli interessi su tale debito – attraverso questo furto di tempo – che il capitalismo proietta il proprio dominio sul futuro, è disinnescando il rapporto tra creditore e debitore che possono essere gettate le basi per liberarsi dal giogo capitalistico. Ciò è ben altra cosa dal negare ad una eventuale moneta del comune la sua funzione di moneta-credito. Si tratta, tuttavia, di concepirla all’interno di circuiti orientati alla produzione di valori d’uso, in luogo che all’accumulazione di denaro.

Rispetto a ciò, la vicenda del Bitcoin – vero spettro che si aggira tra le pagine del libro – lascia aperti molti interrogativi. Di questa cripto-moneta, balzata agli onori delle cronache per via degli usi sconsiderati che ne sono stati fatti, ne vengono denunciati i limiti; ma vengono anche colte le interessanti prospettive dispiegate da una innovazione tecno-politica che ha avuto il merito di infrangere il tabù del denaro, i cui protocolli stanno già fungendo da base per la realizzazione di nuovi ed interessanti esperimenti.

Il caso del Bitcoin, in cui il movente speculativo ha prevalso su di ogni altra cosa, può in ogni caso valere da insegnamento per il futuro: mutare la forma della moneta è ben altra cosa dal mutarne la funzione. Semmai, è dalla qualità dei processi che stanno alla base della progettazione di una moneta, e dalle soggettività coinvolte in tali processi, che dipende la capacità di farne uno strumento realmente alternativo, non riconducibile entro le logiche del sistema dominante. Non a caso, è proprio sulla cura di tali processi che gli altri progetti presentati nel libro – di alcuni dei quali gli autori sono parte attiva – insistono.

Resta da capire di che inferenza possano godere le esperienze in corso, le quali rischiano piuttosto di apparire come puri “esercizi di esodo”. Quali le concrete possibilità di costruire nuove forme di sovranità monetaria in grado di contrastare l’espropriazione del comuneincessantemente operata dai mercati finanziari?

Se non altro, l’inganno mefistofelico è stato ormai svelato. Ora che non vi è alcun valore nella moneta, se non quello dettato dalla fiducia che si ripone in essa, è nella fiducia stessa – nelle relazioni che innervano il comune – che risiede l’oro dei nostri tempi. La miniera, dunque, è dentro di noi. Ben vengano libri come questo, ottimi arnesi con cui cominciare a scavare.

La moneta del comune. La sfida all’istituzione finanziaria del comune, a cura di Emanuele Braga e Andrea Fumagalli, DeriveApprodi e Alfabeta2, Roma 2015, euro 18,00

Contributo sulla FAZ di Marco Giustini e Domenico De Simone

Il miracolo di Worgl (Tirolo 1932-1933)

di Paul Kircher, Human Economy 04/04/2015

Occorre rilevare che il denaro come lo conosciamo oggi, non corrisponde ad una legge naturale, ma è stata creato da persone e pertanto può essere nuovamente riprogettato e modificato in qua­lunque momento attraverso una decisione democratica. Dal momento che ancora una volta ab­biamo raggiunto il punto in cui il sistema monetario è sull’orlo del precipizio, è sensato analizzare dei sistemi monetari alternativi, ed in particolare quelli che già in passato hanno funzionato. Questo include certamente l’idea della moneta deperibile, alla base del piccolo miracolo economico di Wörgl, dovuta al genio dall’economista, purtroppo molto poco conosciuto, Silvio Gesell. Esso riconobbe che il denaro, a differenza di tutti gli altri prodotti, detiene un grande vantaggio: cioè la moneta è l’unico bene che si conserva inalterato, e la cui detenzione non implica costi. Questo com­porta che tutti vogliano accumulare il denaro. Per far sì che il denaro torni a circolare, ideò un si­stema che ne penalizzasse l’accumulo. Un modo per raggiungere ciò po­trebbe essere l’introduzione di un tasso di iInteresse (negativo). Ma se si conosce la vera natura del denaro moderno e come esso è generato, si intende che tutti i soldi nascono come un debito è (questo sarà l’argomento trattato qui e in ulteriori ­pubblicazioni). Se dunque si conosce tra l’altro anche la funzione esponenzialedell’effetto dell’inte­resse composto Mt=C×(1+i/100)t [M=montante; C=capitale; i=tasso di interesse; t=numero pe­riodo/anni] si rende evidente che noi abbiamo a che fare nel vero senso della parola con un sistema altamente esplosivo.

L’indebitamento totale di un’economia in questa costruzione assurda del sistema monetario deve necessariamente crescere in maniera esponenziale fino a raggiungere un livello inaccettabile. In questo momento, vi è una completa distruzione del valore del denaro, che molto spesso si evidenzia in una iperinflazione. Le conseguenze di ciò non sono di rado impoverimento, rivoluzioni o guerre (vedi il seguente grafico). USDebt-GDP and DeficitGDP Form 1792to2012

Indebitamento degli Stati Uniti dal 1792 – al 2008

Silvio Gesell propone come soluzione la cosiddetta moneta deperibile, ovvero un denaro a circolazione garantita. Il denaro secondo Gesell era legato ad un tasso di interesse negativo; suggerì dun­que l’applicazione di una tassa sulla detenzione del capitale, che ne scoraggiasse il fermo inoperoso: una lieve penalizzazione, sotto forma di bollo (p. es. del 5% del suo valore) da apporre alla moneta a scadenze di tempo programmate (ogni fine del mese). Ciò fece accrescere la velocità di circo­lazione del denaro, la quale a sua volta rimise in moto l’economia. Il denaro a circolazione garantita (o la moneta deperibile) fu introdotto dal sindaco Michael Unter­guggenberger nel comune di Wörgl nel 1932. Il successo di questa iniziativa è degno di nota. Vedi il cortometraggio.

Fonte: La moneta deperibile di Wörgl, estratto dal Video “Der Geist des Geldes”

Quali considerazioni sono ancora importanti nell’ambito della moneta deperibile?

Molti sistemi monetari paralleli e regionali hanno ripreso nel loro approccio il principio dell’interesse negativo, da cui nascono certamente dei vantaggi. Approssimativamente 20 anni fa, noi stessi ab­biamo dato vita in Alto Adige al “primo circuito di scambio di talenti” basato su questo principio. Dall’esperienza storica con la moneta deperibile e con quella delle valute regionali, si può però an­che intendere che alcuni problemi in effetti non siano mai stati risolti per mezzo di “una garanzia di circolazione” e che non siano nemmeno risolvibili in questo modo. Allo stato attuale, i vari sistemi monetari a “garanzia di circolazione” sono ancora discussi, quanto ad esempio Gradido (www.gradido.net) o il Piano B (http://www.wissensmanufaktur.net/). Un denaro a circolazione garantita senza interesse, a differenza dal denaro del sistema attuale, pre­senta il vantaggio che pone fine all’accaparramento del denaro; in altre parole il denaro perde la funzione di conservazione di un valore. Tuttavia rimane sempre ancora un mezzo di scambio. Ma, a nostro avviso, per l’attuale situazione esistono soluzioni e sistemi migliori. Ecco alcune ragioni, per cui rite­niamo, si renda necessario un cambiamento, radicale rispetto al concetto di un denaro inteso come mezzo di scambio universale:

  • Una moneta deperibile (che garantisca una rapida circolazione) causerebbe una accelera­zione dei cicli economici. Attualmente nella maggior parte dei settori economici osserviamo una sovrapproduzione, che frutta soltanto modesti profitti, e ciò per mezzo di:

         a) obsolescenza programmata: le lampadine p. es. sono state ottimizzate per una durata di 1.000 ore;

b) distruzione di prodotti freschi: quotidianamente p.es. a Vienna è distrutta una tale quan­tità di pane e prodotti di pasticceria, con la quale ci si potrebbe alimentare la popolazione di Graz  (il capoluogo della Stiria in Austria). È la seconda città austriaca per abitanti, al censimento 2013 erano 265.778), oppure attraverso

        c) strategie di marketing:  come p. es. la moda.

Le conseguenze sono: la «sana» competizione[1], il consumo delle risorse (fino all’esauri­mento), la distruzione ed il degrado ambientale, la concorrenza e la guerra. Ma veramente vogliamo questo?  La moneta deperibile (un denaro a circolazione garantita) potrebbe risol­vere questi problemi? Noi crediamo di no!

  • Nei prossimi 10 – 20 anni il mondo del lavoro subirà una accelerazione del automazione che rilascerà sempre più persone dal lavoro, ma anche dal reddito da lavoro salariato (riferi­mento all’economista Jeremy Rifkin). Il RdBI (Reddito di Base Incondizionato) proposto come soluzione nei sistemi monetari a «circolazione garantita» o nei sistemi monetari ove il de­naro funga da mezzo di scambio, garantirebbe esclusivamente il minimo vitale, perché le imprese dell’economia reale, sarebbero tentate a stabilizzare i prezzi esattamente al livello di questo valore. Una regolamentazione statale di controllo dei prezzi, corrisponderebbe all’introduzione dell’economia pianificata, il che significherebbe la fine del libero mercato. E chi di noi vorrebbe ciò?
  • Però anche in questo caso la moneta deperibile (o il denaro a circolazione garantita) sarebbe sempre ancora un mezzo di scambio o di baratto. Per mezzo dell’asimmetria informativa nello scambio di merci, un dogma dell’economia (che di norma un partner di scambio di­sponga delle informazioni aggiuntive rispetto all’altro), avrà sempre an­cora luogo una ridi­stribuzione dal semplice cittadino al monopolista intelligente o l’uomo d’affari competente. Il risultato sarebbe, che alla fine avremmo un vincitore e molti perdenti; cioè il risultato di ogni partita a somma zero. (Citazione di Bertolt Brecht: «Un ricco e un povero si guardavano. E il povero disse pallido: “Se io non fossi povero, tu non saresti ricco! Bertolt Brecht„.»)
  • Nei sistemi monetari a circolazione garantita o nei sistemi monetari ove il denaro funga da mezzo di scambio le diverse biografie o condizioni di vita (come p. es. studenti, disabili o pensionati) non possono esser considerate, se non per mezzo di complicati interventi statali ed una sovrastruttura burocratica con specifiche norme, che potrebbero nuovamente invi­tare ad abusi, e che non risulterebbero nemmeno necessarie.

Infomoney – una alternativa reale?

In alternativa al denaro come mezzo di scambio universale, si offrirebbe invece un sistema di com­pensazione che funzioni come un coupon, senza gli aspetti negativi di un mezzo di scambio. In un tal sistema i contratti bilaterali sarebbero sostituiti da accordi personali con l’intera società. Il de­naro non funzionerebbe più come mezzo universale di scambio o come mezzo di conservazione di valore. Il “denaro” (la moneta informativa) sarebbe soltanto una misura di prezzo, un numero senza valore. Si creerebbe semplicemente con la fornitura di un prodotto o di un servizio, e si distrugge­rebbe con il consumo di un prodotto o di un servizio di scarsa disponibilità. Non sarebbe necessario pagare per il consumo di beni e servizi che esistano in abbondanza. Ilproduttore, tuttavia, sarebbe ricom­pensato tramite la creazione di nuovo denaro sul suo conto individuale. Ciò richiederebbe l’abban­dono del dogma economico: “posso spendere nel consumo solo ciò che guadagno in produ­zione”, quindi una scissione della produzione dei beni, dalla distribuzione delle merci. Questa di­visione renderebbe possibile una asimmetria nel prezzo (all’acquisto io non pago lo stesso prezzo, che tu ottieni per la fabbricazione del prodotto) e unaasimmetria di informazioni, così come non sarebbero più necessarie né la concorrenza né le lotte di mercato. Al contrario, sarebbero esplici­tamente in­coraggiati: il trasferimento di conoscenze e competenze, come anche la cooperazione. Sarebbero rimosse le barriere di interazione sociale e sostituite da un potenziale catalizzatore per lo sviluppo di una società umana. Questo sarebbe il sistema suggerito dal Prof. Franz Hörmann.

Per approfondire l’argomento segui il seguente link: http://humaneconomy.it/nuovi-sistemi-finanziari-e-monetari/infomoney/

Bibliografia:

Hermann Benjes: “Chi ha paura di Silvio Gesell? ” (titolo originale: Wer hat Angst vor Silvio Gesell?)

Tobias Plettenberg Bacher: “Nuova moneta Nuovo mondo La crisi economica – cause e vie d’uscita” (titolo originale: Neues Geld Neue Welt Die Wirtschaftskrise – Ursachen und Auswege)

Film: Lo spirito del denaro (titolo originale: Der Geist des Geldes)

Note di fondo: http://www.informationsgeld.info [1] Franz Hörmann, “La moneta informativa” (www.informationsgeld.info): «Per poter dunque pagare gli interessi maturati, la “gente comune” non dotata della facoltà di creare denaro, è obbligata di sottrarre l’entità di questa denaro (per liquidare l’interesse) ad altre persone presenti nel ciclo economico. Appare molto cinico, ma è ciò quello che il nostro sistema politico intende per “sana competizione”.»

Desperado Theory

de Rogelio Segovia, Desperado Theory Blog, 10/08/2015

El propósito y la justificación monetaria de las funcionalidades descritas a continuación se encuentran en:
El diseño funcional esta pensado para programarlo como un “smart contract” para la plataforma ethereum, en su cadena de bloques, y ejecutado como una DAPP en un navegador ethereum o habilitado para ethereum.
Partimos de la funcionalidad básica de una moneda simple descrita como ejemplo en THE COIN, y le añadiremos las necesarias para autorizar y operar con lineas de crédito.

Contrato de moneda básica

La moneda básica es un contrato en la cadena de bloques que incluye una base de datos con un registro que tiene el saldo asociado a cada cuenta. La base de datos se abre con la cuenta del creador y se va ampliando con cada cuenta que recibe o emite una transferencia.

El creador del contrato hace de Banco Central y emite toda la moneda que va a existir. Puede transferir esa cantidad, por ejemplo, al gobierno de esa comunidad, o, por ejemplo, distribuirlo entre todos los miembros.

La gran diferencia con las cripto-monedas de primera generación (bitcoinfaircoin) es que esa cantidad no hay que minarla como monedas. Basta declararla. Se minaran las transacciones y sus cambios a la cadena de bloques.

Un pago se dispara con un mensaje al contrato en la cadena de bloques. El mensaje incluye la cuenta del remitente, la cuenta del destinatario de la transferencia, y la cantidad a pagar. Si el remitente tiene saldo suficiente, su saldo tiene un decremento por el importe del pago, y el del destinatario tiene un incremento igual.

Contrato de moneda con linea de crédito sin reserva

La base de datos de una moneda con crédito es algo mas complicada.
  • Tiene el saldo de cada cuenta, que puede ser negativo.
  • Tiene el acumulado de la reputación de cada cuenta en emitir créditos exitosos. La reputación no se puede transferir, solo ganar. Solo el creador del contrato puede transferir reputación por criterios externos al mecanismo de la moneda.
  • Tiene los parámetros necesarios para manejar los créditos, como son el monto del crédito, su fecha de caducidad, el coste en reputación al prestamista, y la cuenta del prestamista.

El crédito se diseña como una linea de crédito (como una tarjeta de crédito) y no como un deposito (como un crédito bancario). El prestatario, cuando pague, puede llegar a saldos negativos hasta el limite de la linea de crédito.

Por tanto, al pagar, ha aumentado la masa monetaria, ha creado nuevo dinero de la nada. El criterio mas fiable de que la masa monetaria ha vuelto al equilibrio es que el prestamista ha rellenado el hueco, y su saldo ha vuelto a positivo.
El efecto monetario es el mismo que en un crédito tipo deposito, pero hemos preferido este procedimiento al de un deposito porque permite un control mas simple y claro.
Se puede dar a todas las cuentas una linea de crédito por defecto, como en los sistemas LETS. Hay que dar a todas las cuentas una supuesta reputación inicial para que puedan empezar a dar créditos y ganarse una reputación mayor. Hay que fijar un porcentaje en premio al coste en reputación puesto en juego al autorizar un crédito, si resulta exitoso.
El creador del contrato hace de Banco Central y puede añadir una cantidad a la masa monetaria, masa monetaria cuyo total sera igual a la emitida por el creador mas la generada a través de los pagos contra linea de crédito (la suma de saldos negativos).

Un pago se dispara con un mensaje al contrato en la cadena de bloques. El mensaje incluye la cuenta del remitente, la cuenta del destinatario de la transferencia, y la cantidad a pagar. Si el remitente tiene saldo suficiente, contando su saldo, el limite de la linea de crédito mas la cantidad “lets”, su saldo tiene un decremento por el importe del pago, y el del destinatario tiene un incremento igual.

El pago se bloquea si la linea de crédito ha expirado. Antes de proceder hay que cerrar el crédito.

Como decimos, el criterio para saber si se ha pagado el crédito es que el saldo de la cuenta es positivo.

  • En ese momento se anula la linea de crédito y su fecha se lleva a 0. A partir de entonces la cuenta no puede caer en saldos negativos.
  • Se le restituye al prestamista todo su coste en reputación, aumentado por el factor de premio.
Con ello se ha cerrado el crédito y se puede seguir con el procedimiento de pago, que ya solo contara con la cantidad “lets”.
Si el saldo sigue en negativo, al cancelar el crédito, la cuenta bloquea todo pago, hasta que se rellene el hueco con nuevos ingresos.
Por otra parte, se descarta el coste de reputación del prestamista. Ha sido un crédito fallido y no recuperara nada (se podría programar otro diseño mas “tolerante”).

La autorización de un crédito se dispara con un mensaje al contrato en la cadena de bloques. El mensaje incluye la cuenta del remitente, la cuenta del destinatario del crédito, el monto del crédito y el tiempo para devolverlo.

Este primer diseño tiene algunas simplificaciones, que se podrán complicar en versiones posteriores:
  • No se puede cancelar el contrato antes de tiempo. Aunque el saldo sea positivo la linea de crédito sigue activa.
  • No se pueden tener dos lineas de crédito simultaneas. La existencia de una linea de crédito bloquea la concesión de otra.
  • No se pueden programar pagos, es decir una linea de crédito con escalones decrecientes programables.
El procedimiento es el siguiente:
  1. Lo primero es calcular el coste del crédito en reputación del prestamista. Hemos utilizado el área total de la masa monetaria incrementada incluyendo la dimensión temporal. Es decir el monto por el tiempo. Otros diseños pueden usar otros algoritmos.
  2. Luego hay que ver si el prestamista tiene ganada reputación suficiente, añadiendo la reputación que se le supone a cada cuenta por defecto, para autorizar un crédito de tal calibre.
  3. Si es así, se le aparta de momento al prestamista el coste en reputación, hasta que el crédito se devuelva con éxito.
  4. Finalmente, se le rellenan a la cuenta del prestatario todos los parámetros del crédito.

El ultimo procedimiento explica como el creador del contrato puede transmitir reputación a otras cuentas en las que tiene confianza. Seria como nombrar agentes expertos en créditos del Banco Central.

[:]

La generazione perduta

DisoccupazioneIl Fondo Monetario Internazionale lancia l’allarme per l’Italia. Ci vorranno vent’anni per far tornare l’occupazione ai livelli prima della crisi. Lo stesso tempo previsto per il Portogallo, mentre la Spagna, sempre secondo il FMI, impiegherà solo dieci anni. Insomma, prospettive cupe per la gente ed il loro  futuro. Ovviamente si parla di occupazione degli adulti, poiché la disoccupazione giovanile continuerà a battere record su record, al punto che si parla di una generazione perduta. Direi che sono due generazioni che hanno perduto la speranza e l’entusiasmo, visto che la crisi finanziaria è iniziata dieci anni fa ma che la crisi  dell’occupazione e dell’economia è divenuta significativa sin dai primi anni novanta del secolo scorso. Ovviamente, tale recupero dei livelli occupazionali sarà possibile solo in presenza di “una significativa accelerazione della crescita“, ovvero dell’araba fenice date le condizioni attuali dell’economia e le prospettive nere del futuro.

Continua a leggere “La generazione perduta”

Articoli Recenti

Commenti recenti

Bartolo su FAZCOIN, una criptomoneta per…
I dieci articoli più… su Presentazione della FAZ alla C…
I dieci articoli più… su Della incommensurabile stupidi…
I dieci articoli più… su Le FAQ sulla Zona Finanziaria…
I dieci articoli più… su Le FAZ-FAQ

Tags

confindustria credit crunch crisi Cultura debito de Simone draghi economia americana economia eterodossa Economía euro europa evidenza faz filosofia Finanza guerra M5S Política potere Reddito di Cittadinanza Riflessioni riforme rivoluzione servilismo Società spesa pubblica tasso negativo tobin tax usurai

Archivi